Anna Maria Esposito

Una trama inconsistente. Storia di cani, amanti e commissari

16.00 

Esaurito

Categoria: .
Descrizione

Autore: Anna Maria Esposito

ISBN 9788897160069

La vicenda di cui si narra si svolge in un sonnacchioso paesello ligure, dal nome fittizio di Pineta Marittima. In tale amena località convergono i destini d’una serie di personaggi in caduta libera da se stessi: il milanese Giulio Lopresti, titolare d’una fabbrichetta in quel di Cernusco, diviso fra danèe, donne e motori; l’amico del cuore, Luca, senza tanti danèe, diviso fra gastriti post-coitali e Mariella, moglie di Giulio; Mariella, fashionista taglia 38, divisa fra l’indifferente Giulio, le sue tette nuove di zecca, e una serie d’amanti più o meno occasionali; Saverio, palestrato un tantinello s-pompato, diviso tra Mariella e i propri gioielli di famiglia; Prugna, un cane di razza Cihuahua, diviso tra la sua amata padroncina Mariella e i gioielli di famiglia di Saverio; Pasquale De Matteis, commissario di polizia, diviso tra le pizze di patate della moglie e il “de” minuscolo nel cognome del suo nobile collega; Guido de Pascalis, il nobile collega, diviso tra le giacchette di Armani e il De maiuscolo del popolare cognome del suo capo; Lorella, infreddata moglie di detto De maiuscolo; Vanessa, cognata del commissario, divisa tra la propria modellesca taglia 36 e Giulio, attuale amante; Michelino, diviso tra il cadavere di Mariella e quello della propria moglie. Nell’arco di un paio d’ore, il destino mescolerà le carte dei nostri eroi, avvincendoli l’uno all’altro in un mulinello di fortunosi eventi.

Anna Maria Esposito
Girovaga per alterne vicende, del Salento, ove nacque, conserva spiccato l’accento e una certa testardaggine, tipica connotazione degli abitanti del posto, che vengono sovente definiti “cchiù tosti dei munti de’ mare”. Sposata da ben ventitré anni, resiste alle briglie matrimoniali grazie alle eccezionali doti di pazienza e rassegnazione del marito, che ha avuto l’intuizione di non navigarla mai controvento. Legge compulsivamente e scrive con ancor minore moderazione, ma non ha ancora imparato a far di conto. Golosa fino all’intemperanza, ha però la fortuna di non ritrovarsi poi

Share this post